Brand Flop | 5 prodotti più deludenti della storia!

da 20/09/2021

Lanciare un prodotto non è cosa semplice.

“Meno del 3% dei nuovi beni di consumo confezionati supera le vendite del primo anno di $ 50 milioni, considerato il punto di riferimento di un lancio di grande successo”, affermano Joan Schneider e Julie Hall, coautori di “The New Launch Plan”.

Questo è uno dei motivi per cui i nomi più importanti nel mondo degli affari, da Nintendo a Netflix, Microsoft a McDonald’s – hanno avuto alcuni dei più grandi insuccessi di pancia.

Ecco uno sguardo a 5 di quei flop e cosa possiamo imparare da loro.

Brand Flop

1985 — New Coke

All’inizio degli anni ’80, la Coca Cola stava perdendo terreno rispetto alla Pepsi.

I famigerati annunci “Pepsi Challenge” sono stati in gran parte responsabili dell’ondata di Pepsi. In risposta, Coca-Cola ha cercato di creare un prodotto che avesse un sapore più simile alla Pepsi.

Sebbene la New Coke sia andata abbastanza bene nei test di assaggio a livello nazionale prima del lancio nel 1985, si è scoperto che erano fuorvianti. La Coca Cola ha abbandonato il prodotto dopo poche settimane ed è tornata alla sua vecchia formula. Ha anche dato al suo prodotto un nuovo nome: Coca-Cola Classic.

Brand Flop

1995 — Nintendo Virtual Boy

Virtual Boy di Nintendo è stata una spinta ambiziosa verso una nuova tecnologia in rapida crescita: la realtà virtuale. Acquista semplicemente il Virtual Boy e lasciati trasportare nell’ambiente digitale della realtà virtuale.

Tranne che la realtà di Virtual Boy era totalmente diversa da ciò che prometteva. I giochi erano poco più che incubi neri e rossi, con una grafica e un gameplay a bassa risoluzione che sarebbero stati più adatti a una console di gioco standard.

Virtual Boy ha finito per vendere meno di 1 milione di unità: è il più grande flop hardware nella storia di Nintendo (una storia che risale alla fine del 1800). La storia del Virtual Boy è spesso sostenuta nei tempi moderni per respingere le ondate di clamore che circondano la nuova tecnologia VR.

Brand Flop

1995 — Microsoft Bob

Microsoft Bob doveva essere un’interfaccia user-friendly per Windows, un progetto che a un certo punto è stato gestito dall’attuale moglie di Bill Gates, Melinda. Microsoft lo ha “ucciso” un anno dopo averlo lanciato nel 1995.

Come mai?

“Sfortunatamente, il software richiedeva più prestazioni di quelle che l’hardware del computer tipico poteva fornire all’epoca e non esisteva un mercato sufficientemente ampio”, ha scritto in seguito Gates. “Bob è morto.” Come ex utente di Microsoft Bob con un PC 486 sottodimensionato, posso personalmente attestare le sue scarse prestazioni su hardware PC “tipico” dell’epoca.

1996 — McDonald’s Arch Deluxe

Nel 1996, McDonald’s ha introdotto l’Arch Deluxe, che non ha mai preso piede.

Aveva lo scopo di fare appello ai “sofisticati urbani” – al di fuori del suo target demografico. Per raggiungere questo gruppo, McDonald’s ha speso $ 100 milioni, il che lo rende uno dei flop di prodotti più costosi della storia.

Si scopre che McDonald’s era in anticipo di circa 10 anni: oggi, le catene di hamburger come Five Guys e Shake Shack sono molto popolari e vendono hamburger fast-food leggermente più costosi all’equivalente moderno di “sofisticati urbani”.

Brand Flop

2011 — Qwikster

Nel settembre 2011, Reed Hastings ha annunciato che Netflix avrebbe scorporato Qwikster come attività di noleggio di DVD. Questa mossa ha incontrato tonnellate di critiche e Hastings ha fatto marcia indietro sulla sua dichiarazione 23 giorni dopo.

Allo stesso tempo, Netflix ha annunciato un componente aggiuntivo per videogiochi che avrebbe spedito i dischi di gioco a casa tua. Oltre al nome Qwikster, anche quei piani furono scartati.

0 commenti

it_ITItaliano